Skip to content
08|12|28 / antilele

What are we waiting for?

Nel giorno in cui l’ennesimo barcone di immigrati partito dalla Libia è in arrivo sulle nostre coste, ci sarebbe da spendere qualche parolina sull’accordo, o pseudo tale, raggiunto dal nostro premier sul finire della scorsa estate con il criminale Gheddafi. Potremmo soffermarci sui pennivendoli che, oggi come allora, non si azzardano minimamente a muovere una critica al loro Padrone, nonostante le argomentazioni abbondino e gli effetti di quel patto scellerato siano totalmente diversi da quelli auspicati (davvero difficile prevedere tutto ciò, vista la fama di santarellino del premier libico…).

Ma il nostro premier, mostro di creatività e fantasia, giusto per distogliere una po’ l’attenzione se n’è uscito con un "Se venissero intercettate mie telefonate di un certo tipo, me ne andrei dal paese".

E allora: cosa aspettiamo a togliercelo dalle palle?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: