Skip to content
09|11|25 / antilele

Sfront man

Per farsi un’idea di come i Berluscones intendano la locuzione "rispetto delle regole" è superfluo starsene a sentire le sparate quotidiane di un Gasparri qualsiasi sulla cosiddetta "riforma della Giustizia": prestare ascolto ad esercizi di retorica oratoria volti a difendere e/o giustificare l’indefendibile e/o l’ingiutificabile nuoce al senso civico, ma soprattutto al senso buono.

Ci sono episodi, all’apparenza insignificanti e buoni solo per riempire pagine di cronaca locale, che invece ci danno l’esatta dimensione del concetto di "senso civico" per un pdiellino.

Succede che a Milano, in consiglio comunale, si discutano le candidature per la più alta onoreficenza civile cittadina: l’Ambrogino d’oro. Basilio Rizzo, Lista Dario Fo, propone un gruppo di lavoratori della INNSE, divenuti famosi l’estate scorsa per aver difeso il proprio posto di lavoro, issandosi giorno e notte su un carroponte per evitare la chiusura della propria azienda, riuscendo nel loro intento. La candidatura viene stroncata dal PDL, e fin qui nulla di nuovo sotto il sole, ma colpiscono le parole del consigliere capogruppo Giulio Gallera (che burlone, il destino, quando mette una L di troppo nel cognome!) per giustificare la stroncatura: "Non possiamo premiare un modello negativo di lotta fuori dalla legge per chiedere aiuti di Stato a favore di un’impresa che non era in grado di stare sul mercato". Pensiero legittimo, quello di Gallera. Peccato che la candidatura che molto probabilmente andrà in porto, fortemente voluta dal sindaco Moratti, sia quella di Marina Berlusconi, figlia del premier e presidente del gruppo Mondadori. Quello stesso gruppo che, dentro le regole, sia ben chiaro, fu acquistato da papà Silvio corrompendo giudici. Quello che, dentro le regole, senza nessuno scopo giornalistico, ha fatto pedinare e deridere da una giornalista della propria capogruppo Mediaset il giudice civile che ha individuato in 750 milioni di euro il risarcimento per i frodati dalla corruzione di cui sopra. E mi fermo qui.

La prossima volta i lacchè di turno, per piacere, ci risparmino certe parole di contorno. Imparino dai vecchi democristiani: loro facevano le porcate, ma almeno la sfrontatezza era un vocabolo che si guardavano bene dal voler rappresentare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: