Skip to content
12|02|15 / antilele

Chiamare le cose con il proprio nome

Non m’importa per quanto ha parlato Celentano a San Remo. Non m’importa neanche quanto ha preso (non perché non me ne freghi niente dei soldi della RAI, semplicemente perché in un’ottica costi-benefici credo che la presenza di Celentano sposti la bilancia verso i secondi). Mi importa poco anche di quello che ha detto: fortunatamente sono abbastanza grande da autoimpartirmi le lezioni di educazione civica filtrando quello che leggo in rete.

L’unica cosa di cui però mi importa è che se uno dice “giornali come Famiglia Cristiana e Avvenire andrebbero chiusi” bisognerebbe avere il coraggio di definirlo come si conviene. Ovvero: fascista.

Altrimenti bisognerebbe chiedere scusa per tutte le volte che si è fatto riferimento a questo appellativo per definire quell’individuo e la sua cricca che ogni due per tre se ne uscivano col “network dell’odio” e menate simili.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: